Saperi, tanti sapori e quell’unica zuppa alla riparbellina

Mani, volti, cuori hanno molto in comune con ortaggi, farina, carne e profumi. Portano dritti dritti alla nostra zuppa alla riparbellina e a tanti altri sapori da scoprire, riscoprire o, semplicemente, da continuare a gustare.

Vediamo volti, vediamo attrezzi, vediamo mani. Vediamo Riparbella alle prese con i prodotti della terra, genuini e saporiti, o con le mani in pasta per fare il pane e poi per infornarlo. Le mani sapienti di chi lavora le carni per trasformarle in salumi e piatti, quelle di chi sa trasformare il latte con scienza di secoli. E anche quelle, protette, di chi va ad accudire le api per donarci dolcezza. Mani e volti, fino ad arrivare alle cuoche che ci regalano la zuppa alla riparbellina. Buona visione e buona appetito. Vi aspettiamo.

Vino, certo. Olio, come no? Ne abbiamo detto, abbiamo dedicato immagini ferme e in movimento. Ne scriveremo ancora ma ora ricordiamo proprio che Riparbella sa offrire anche, e molto, di più. Possiamo dire della zuppa alla riparbellina che è entrata a pieno titolo e a testa alta, lei che scaturisce da una cucina povera e secoli di tradizione, in programmi televisivi, libri, giornali, ricettari online e, naturalmente, di casa.

Possiamo guardare, però.

Facciamolo con un video dedicato stavolta proprio all’enogastronomia. Mani, volti, cuori hanno molto in comune con ortaggi, farina, carne e profumi. Portano dritti dritti alla nostra zuppa alla riparbellina e a tanti altri sapori da scoprire, riscoprire o, semplicemente, da continuare a gustare.